Rovigno-Rovinj 52210, piazza/Trg Matteotti, 13 - Tel. +385 52 811133 / 811412 - Fax +385 52 815786

Orari: da Lunedì a Venerdì 07.00-15.00 E-mail:info@crsrv.org

foto: Istria pittorica. Dipinti dal XV al XVIII secolo – Diocesi Parenzo - Pola.

Istria pittorica. Dipinti dal XV al XVIII secolo – Diocesi Parenzo - Pola.

di Višnja Bralić - Nina Kudiš Burić

COLLANA DEGLI ATTI - N. 25


scarica il libro in formato pdf


Rovigno, Trieste, 2005.
Tipografia: Opera del Villaggio del Fanciullo, Opicina-Trieste.
Volume unico di 454 pagine illustrato da quasi 600 illlustrazioni (tutte a colori) di opere pittoriche (compreso qualche loro dettaglio).
L'opera è in effetti un ”Catalogo” (repertorio vero e proprio di schede scientifiche) delle opere di pittura veneta (singoli dipinti o cicli) che un tempo si custodivano nelle chiese delle diocesi di Cittanova, Parenzo, Pedena e Pola, che si configurano attualmente nella diocesi denominata di Parenzo e Pola. Alcune opere oggi si custodiscono in musei o varie collezioni.
Per ogni opera, 565 in tutto (l’ordinamento catalogico procede in sequenza alfabetica per località), si è delineato un profilo che riguarda la provenienza, la committenza, i contenuti iconografici, lo stile, l’inserimento nel percorso dell’autore e, quando possibile, la collocazione in un ambito culturale specifico. Molte risultano le novità attributive.
Tale corpus di dipinti assomma per la prima volta più livelli del lascito pittorico veneto rinvenuto in territorio istriano.
Il “Catalogo” è preceduto dalla “Presentazione” di Giovanni Radossi, dai saggi di Giorgio Fossaluzza (“Tracciato di storiografia dell’ Istria pittorica”),  di Nina Kudiš Burić (“La pittura in Istria dal Quattrocento alla metà del Seicento. All' ombra dei conflitti bellici e sotto l'occhio attento della Chiesa riformata“), di Višnja Bralić ( „La pittura in Istria dagli ultimi decenni del Seicento alla fine del Settecento. Tempo di pace e di ripresa“) e di Marino Budicin-Egidio Ivetic („L'Istria nei secoli XV-XVII“).
Chiudono il volume un'ampia „Bibliografia“ e gli indici dei nomi e dei luoghi.

indietro